EMERGENZA COVID-19


BONUS ALIMENTARE

Avviso pubblico per l’adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare

DECRETO-LEGGE 23 novembre 2020, n. 154 

Misure finanziarie urgenti connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19

(GU Serie Generale n.291 del 23-11-2020)

 

IL DIRIGENTE DEL SETTORE POLITICHE DI PROMOZIONE SOCIALE

PREMESSO CHE

l’Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 658 del 30/03/2020 reca: “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”;

l’articolo 2 comma 1, del Decreto-legge 23 novembre 2020, n.154, pubblicato nella GU n.291 del 23/11/2020 dispone che  “Al fine di consentire ai comuni l'adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare, è istituito nello stato di previsione del Ministero dell'interno un fondo di 400 milioni di euro nel 2020, da erogare a ciascun comune, entro 7 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto”;

la Giunta Comunale, con propria Deliberazione n. 256 del 18/12/2020,avente ad oggetto <<Misure urgenti di solidarietà alimentare di cui al DECRETO-LEGGE 23 novembre 2020, n. 154  avente ad oggetto<> pubblicato in G.U. Serie Generale n.291 del 23-11-2020” ha definito ed approvato le “Linee di indirizzo per l’individuazione dei beneficiari”>>;

RITENUTO

di dover provvedere, con urgenza, alla pubblicazione di un Avviso rivolto alla cittadinanzaper l’erogazione dei benefici di cui alle misure finanziarie urgenti di solidarietà alimentareDECRETO-LEGGE 23 novembre 2020, n. 154 per il sostegno a nuclei familiari in difficoltà,anche temporanea, dovuta all’emergenza da Covid-19, come previsto dallo stesso Decreto-legge 23 novembre 2020, n.154;

CONSIDERATO

che il Comune di Corigliano Rossano, a seguito dei citati provvedimenti, haricevuto, sulla base degli  Allegati  1  e  2 dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione  civile  n. 658 del 29 marzo 2020, un contributo straordinario pari ad 717.476,06 finalizzato a sostenere i cittadiniche, a causa dell’Emergenza coronavirus, si trovano in difficoltà economica e non riescono aprovvedere alla spesa alimentare per sé e/o per il proprio nucleo familiare.

VISTA

la determinazione del Dirigente del Settore Politiche Sociali n. 165 del 5/02/2021 che haapprovato lo schema del presente Avviso pubblico;

È INDETTO

l’AVVISO PUBBLICO per l’adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare di cui al DECRETO-LEGGE 23 novembre 2020, n. 154 (GU Serie Generale n.291 del 23-11-2020) avente ad oggetto <<Misure finanziarie urgenti connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19”>>

 

Definizioni

1. Ai fini del presente Avviso, si intendono:

Per “generi alimentari e di prima necessità” i beni alimentari, prodotti per l’igiene personale eper l’igiene della casa, prodotti farmaceutici, farmaci e parafarmaci;

Per “soggetti destinatari” le persone fisiche, in possesso dei requisiti, individuati dal Comune di Corigliano Rossano (CS) a mezzo del presente Avvisopubblico, cui segue l’approvazione di elenchi stilati dal Comune medesimo, sulla base delleistanze pervenute e in funzione dei criteri generali definiti dall’OCDPC n. 658/20 e del DECRETO-LEGGE 23 novembre 2020, n. 154, tenuto conto dei principi di ammissione prioritaria, secondaria eresiduale previsti nel presente avviso e avendo cura di tutelare nuclei familiari più esposti ai rischi economiciderivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, dando priorità a quelli non giàassegnatari di altre forme di sostegno pubblico.A tal fine si precisa che destinatari della misura sono persone e nuclei residenti nel Comunedi Corigliano Rossano che si trovino in “stato di bisogno”. Il competente Settore del Comune individuerà inuclei in stato di bisogno dando priorità agli individui e ai nuclei in difficoltà, anchetemporanea, che non abbiano percepito nessuna misura di sostegno legata all’emergenzasanitaria.

Per“misura di solidarietà” si intende il “buono spesa”, il titolo dematerializzato informato elettronico o in formato pdf, trasmesso telematicamente ai cittadini e spendibilenegli esercizi commerciali e farmacie/parafarmacie aderenti alla procedura di evidenzapubblica del Comune, incluse nell’apposito elenco pubblicato secondo le forme di pubblicitàpreviste;

Per“servizi sociali”, il Servizio sociale comunale o dell’ambito territoriale o altro Settorecompetente individuato dal Comune.

 

Importo del buono spesa

Il contributo concesso per mezzo del buono spesa è erogato una tantum ed il relativo importo èdeterminato secondo le seguenti modalità:

 

COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE

IMPORTO

Nuclei unipersonali

Euro 100,00

Nuclei composti da due persone

Euro 200,00

Nuclei composti da tre persone

Euro 300,00

Nuclei composti da quattro persone

Euro 400,00

Nuclei composti da cinque persone o più

Euro 500,00

 

L’importo è aumentato di €. 50,00 (una tantum) in caso di presenza di uno o più minori 0-3 anni.

In caso di presenza di soggetto diversamente abile nel nucleo familiare a prescindere dal numero dei componentil’importo complessivo è di €. 500,00.

 

 

Destinatari, istanze e modalità di concessione del buono spesa

I destinatari sono individuati mediante la stesura e la approvazione di appositi elenchi stilati daiservizi sociali sulla base dei criteri generali del presente avviso, tenutoconto dei nuclei familiari più esposti ai rischi economici derivanti dall’emergenza epidemiologica daCovid-19, dando priorità a quelli non già assegnatari di altre forme di sostegno pubblico(Rdc, Rei, Naspi, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno previste a livello nazionale,  locale o regionale).

Ai fini della presentazione delle istanze, della individuazione dei destinatari e dell’assegnazione deibuoni spesa sono stabilite le seguenti definizioni, modalità e criteri:

Destinatari: Persone e nuclei residenti nel Comune beneficiario (nonché persone e nucleidomiciliati nel Comune in conseguenza dei provvedimenti che hanno imposto limitazioni aglispostamenti sul territorio nazionale) che versino “in stato di bisogno”, individuati sulla basedelle istanze pervenute ed in funzione dei criteri di cui al presente articolo, dando priorità agliindividui e nuclei in difficoltà, anche temporanea, che non abbiano percepito nessuna misuradi sostegno legata all’emergenza sanitaria.

Lo “stato di bisogno” è altresì comprovato dalla presenza di c.d. eventi causali di effetti economicinegativi, anche temporanei, causati dell'emergenza da COVID-19, che il richiedente devedichiarare nell’istanza, sotto la propria responsabilità, individuati nelle seguenti circostanze:

la perdita o la riduzione del lavoro senza attivazione di ammortizzatori sociali ovvero conammortizzatori insufficienti in relazione al fabbisogno familiare;

la sospensione temporanea dell'attività con partita IVA rientranti nei codici ATECO delleattività professionali, commerciali, produttive artigianali non consentite dal DPCM 03 novembre 2020 2020e successive integrazioni;

l’impossibilità di percepire reddito derivante da prestazioni occasionali/stagionali ointermittenti a causa dell’obbligo di permanenza domiciliare con sorveglianza sanitaria o per effettodella contrazione delle chiamate;

altre cause analoghe, di pari gravità, che il richiedente descrive e dichiara sotto la propriaresponsabilità nell’istanza;

Istanze: Il Servizio Sociale competente riceve le istanze, dematerializzate, presentatedai cittadini, contenenti le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli artt. 46 e 47 del T.U. 445/2000 e s.m.i., da trasmettere attraverso la seguente modalità:

i cittadini che presentano i requisiti di cui al precedente  punto b)  devono  inoltrare  istanza, attraverso la piattaforma on-line, resa disponibile sul seguente link https://voucher.sicare.it/sicare/buonispesa_login.php inserendo i propri dati anagrafici o accedendo tramite Smartphone o ancora attraverso  l'AppMunicipium scaricabile da Internet.

Detta procedura semplificata, permetterà l'erogazione di un buono in formato elettronico, identificato tramite "codice univoco", riferito al beneficiario ed alla somma ad esso attribuita.

Il buono virtuale potrà essere speso presso le attività commerciali convenzionate con il Comune e potrà essere utilizzato mostrando la tessera sanitaria e digitando il PIN comunicato in fase di assegnazione del Buono via SMS da parte del Comune.

Le somme riconosciute dall’Ente potranno essere spese in una o più attività commerciali accreditate fino al totale consumo dell’importo attribuitogli, attraverso l’utilizzo della tessera sanitaria, confermando l’esito della singola operazione con il pin ricevuto tramite sms all’atto della scansione della tessera da parte del negoziante

La mancata o parziale attuazione dell’iter di presentazione sopra esposto costituisce motivo di improcedibilità e di inammissibilità della domanda stessa.

Le istanze devono essere presentate a partire dalla data di pubblicazione del presente Avviso efino alle ore 12:00 del giorno 5/03/ 2021 secondole modalità indicate nel presente Avviso.

L’amministrazione Comunale, ritenendo verosimile il ricevimento di un numero considerevole di domande, non potrà garantire che la presentazione delle istanze possa avvenire in modalità cartacea e, pertanto, risulta necessario attenersi scrupolosamente a quanto previsto ai punti che precedono.

Causa ostativa: È causa ostativa alla concessione del beneficio che l’istante o altri componentiil nucleo abbiano già presentato medesima domanda in altri Comuni del territorio regionale.

Ammissione prioritaria: È motivo di ammissione prioritaria alla concessione del beneficio nonavere percepito, alla data di presentazione dell’istanza, a nome proprio o di altro componentedel nucleo familiare, redditi, contributi o sussidi, comunque denominati nel periodo di c.d.lockdown (dal 3novembrealla data di presentazione dell’istanza).

Ammissione secondaria: Persone e nuclei che nel periodo dal 3 novembre 2020 fino alla data di presentazione dell’Istanza, a nome proprio o di altro componente del nucleo familiare, abbiano percepito redditi, contributi e/o sussidi, comunque denominati, nei limiti di 780,00 euro mensili. Tali richiedenti possono essere ammessi con priorità secondaria, compatibilmente con la disponibilità delle risorse assegnate al Comune.

 ✓Ammissione residuale:Qualora l’importo necessario a far fronte alle richieste pervenute ecceda i limiti delle risorse disponibili, il Comune provvederà alla concessione dei buoni spesa nei limiti delle risorse medesime dando priorità ai criteri di ammissione prioritaria e secondaria, rispettivamente. Soddisfatte tali richieste, in presenza di economie maturate nelle risorse assegnate nell’ambito del presente intervento, il Comune potrà assegnare i buoni a tutti gli altri richiedenti, stilando elenchi ordinati in base all’ISEE, dando priorità a redditi più bassi e nuclei familiari più numerosi. A tal fine il richiedente dovrà indicare in domanda il valore del proprio ISEE e, a pena di inammissibilità della domanda stessa, dovrà allegare lo stesso ISEE in corso di validità.

Riserva: Il 5% del fondo assegnato al Comune deve essere utilizzato per l’erogazione di buoniper famiglie al cui interno del nucleo familiare vi sia la presenza di un disabile nella misuramassima di € 500,00.

Le dichiarazioni, rese dal richiedente sotto la propria responsabilità ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, dovranno essereformulate utilizzando lo schema di istanza predisposto, attraverso lacompilazione on-line della domanda resa disponibile sul seguente link https://voucher.sicare.it/sicare/buonispesa_login.php inserendo i propri dati anagrafici o accedendo tramite Smartphone o ancora attraverso  l'AppMunicipium scaricabile da Internet.

Giova ribadire che la mancata o parziale attuazione dell’iter di presentazione sopra esposto costituisce motivo di improcedibilità e di inammissibilità della domanda stessa.

 

Modalità di verifica delle condizioni di ammissibilità, Controlli e sanzioni

Le condizioni di disagio sopra richiamate dovranno essere autocertificate, sotto la propria responsabilità,  dai richiedenti ai sensi della normativa vigente e dovranno essere formulate utilizzando lo schema di istanza che gli uffici, sulla base delle linee di indirizzo di cui alla Deliberazione di Giunta Comunale sopra richiamata, hanno predisposto attraverso la piattaforma https://voucher.sicare.it/sicare/buonispesa_login.php;  i controlli sulla composizione del nucleo familiare dichiarato e sulla presenza di minori di età inferiore a 3 anni  (che determina l’importo del buono) saranno effettuate su tutte le posizioni ammesse a valutazione. In caso di difformità riscontrata (sia positiva che negativa) sulla composizione del nucleo familiare la richiesta sarà ritenuta non ammissibile.

I controlli sulla situazione reddituale e sulle altre situazioni di disagio saranno demandati alle competenti Autorità (INPS e Guardia di Finanza) con l’invio degli elenchi dei soggetti ammessi a beneficio.

Nel caso in cui dai controlli emerga una non corrispondenza tra quanto dichiarato, ovvero, la non sussistenza delle condizioni in base alle quali è stato concesso il buono spesa, il contributo sarà revocato d’ufficio e si procederà al recupero delle somme indebitamente percepite maggiorate degli interessi normativamente previsti. In caso di difformità riscontrata nella fase istruttoria precedente alla concessione del buono la domanda sarà ritenuta inammissibile.La revoca del contributo verrà disposta, altresì, qualora, dalla verifica effettuata, l’utilizzo del buono avverrà in modo difforme da quello per cui si è richiesto il contributo.Ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi previsti dalla legge sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia e determinano la pronuncia di decadenza dai benefici eventualmente conseguenti il provvedimento emanato su tali basi.

Informazioni e supporto ai cittadini

Per informazioni e supporto telefonico nella compilazione della domanda è possibile rivolgersi alComune di Corigliano Rossano contattando il seguente numero telefonicoattivo dal giorno di pubblicazione del presente avviso e fino alla scadenza da lunedì a venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00.

351-8743077

utilizzando esclusivamente il servizio di messaggistica whatsapp; ogni messaggio trasmesso deve essere preceduto dal proprio NOME-COGNOME-CODICE FISCALE.

 

AVVISO

Manuale procedura per assegnazione buoni spesa

Elenco esercenti

Istruzioni utilizzo buoni spesa

 

 

AVVISO AGLI ESERCENTI

 

Avviso pubblico per l’adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare

DECRETO-LEGGE 23 novembre 2020, n. 154 

Misure finanziarie urgenti connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19

(GU Serie Generale n.291 del 23-11-2020)

 

IL DIRIGENTE DEL SETTORE POLITICHE DI PROMOZIONE SOCIALE

PREMESSO CHE

con Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 658 del 30/03/2020 sono stati disposti “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”;

l’articolo 2, comma 1,  del Decreto-legge 23 novembre 2020, n.154, pubblicato nella GU n.291 del 23/11/2020 dispone che “al fine di consentire ai comuni l'adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare, è istituito nello stato di previsione del Ministero dell'interno un fondo di 400 milioni di euro nel 2020, da erogare a ciascun comune, entro 7 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto”;

il Comune di Corigliano Rossano, a seguito dei citati provvedimenti e sulla  base  degli  Allegati  1  e  2 dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione  civile  n. 658 del 29 marzo 2020, ha ottenuto un contributo straordinario pari ad euro 717.476,06 finalizzato a sostenere i cittadini che, a causa dell’Emergenza coronavirus, si trovano in difficoltà economica e non riescono a provvedere alla spesa alimentare per sé e/o per il proprio nucleo familiare;

con la deliberazione della Giunta Comunale n. 256 del 18.12.2020 è stata disposta la  presa d’atto delle disposizioni di cui al Decreto-legge 23 novembre 2020, n.154, pubblicato nella GU n.291 in merito all'adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare;

con la determinazione del Dirigente del Settore 1 - Politiche di Promozione Sociale - n. 72 del 23-12-2020 ( Reg. gen, n. 1532 del 23-12-2020)  è stato disposto l’impegno di spesa sul capitolo n. 1710 del bilancio di previsione 2020 per la somma complessiva pari ad euro 717.476,06 per l’adozione delle misure urgenti di solidarietà alimentare.

RITENUTO

di dover provvedere, con urgenza, alla redazione e pubblicazione di un elenco di esercizi commerciali disponibili ad accettare i buoni spesa per come previsto dallo stesso Decreto-legge 23 novembre 2020, n.154;

Vista la propria determinazione con la quale è stato approvato lo schema del presente Avviso pubblico;

INVITA

Le imprese interessate alla formazione di un elenco comunale di esercizi commerciali, farmacie e parafarmacie disponibili a consentire l’acquisto di generi alimentari e di prima necessità, farmaci e parafarmaci, attraverso i buoni spesa di cui al presente Avviso, denominati “misure urgenti di solidarietà alimentare DECRETO-LEGGE 23 novembre 2020, n. 154 ” da parte di nuclei familiari in difficoltà, manifestando il proprio interesse all’adesione attraverso la presentazione di istanza conforme al modello allegato da presentare via pec al protocollo dell’ente al seguente indirizzo: protocollo.coriglianorossano@asmepec.it;

Ai fini dell’adesione, è necessario che gli esercizi siano iscritti alla C.C.I.A.A. per attività idonee (vendita di generi alimentari, beni di prima necessità, per la cura e l’igiene della persona e della casa, farmacie e parafarmacie) ed essere in possesso dei requisiti di ordine generale per la partecipazione agli appalti pubblici. La durata della convenzione è fissata fino al 30.04.2021 o comunque per tutta la durata dello stato di emergenza dichiarato con Delibera del Consiglio dei Ministri ove prorogato.

Si specifica che il buono spesa darà diritto all’acquisto delle seguenti tipologie di beni:

prodotti alimentari e generi di prima necessità (quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo: latte, pasta, zucchero, carne, pane, uova, pesce, olio, frutta, verdura, scatolame, surgelati, alimenti per la prima infanzia, etc);

prodotti per l’igiene e la cura della persona (quali, ad esempio: bagnoschiuma, shampoo, deodorante, sapone, dentifricio, pannolini per bambini, assorbenti, carta igienica, cotone, etc);

prodotti per la pulizia della casa (quali, ad esempio: detersivi, disinfettanti, saponi, strumenti come scope, secchi, panni detergenti, spugne, etc);

farmaci e parafarmaci.

Il buono spesa:

non è cedibile, pertanto, deve essere associato nominativamente al beneficiario;

non è utilizzabile quale denaro contante e non dà diritto a resto in contanti;

comporta l’obbligo per il fruitore, di regolare in contanti l’eventuale differenza in eccesso tra il valore facciale del buono ed il prezzo complessivo dei beni acquistati.

4. Il buono spesa non può essere utilizzato per acquistare i seguenti prodotti:

a) alcolici (vino, birra e super alcolici vari);

b) arredi e corredi per la casa (es. stoviglie etc.);

c) generi di monopolio;

d) cosmetici e  generi da maquillage;(ho inserito d ed e perche erano presenti nella convenzione)

e) generi di lusso.

In merito alle modalità di rendicontazione il Comune di Corigliano Rossano, appena definita la procedura di affidamento con il gestore della piattaforma “SIVoucher”, fornirà ad ogni esercizio commerciale, con comunicazione a mezzo pec, le relative istruzioni.

L’Amministrazione Comunale corrisponderà all’esercizio commerciale il corrispettivo dovuto dietro presentazione di regolare fattura e/o nota di addebito su base mensile corredata di tutta la documentazione che sarà indicata nelle istruzioni di rendicontazione sopra richiamate.

L’esercente dovrà, inoltre, attestare con apposita dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi del DPR n.  445/2000, che i beni forniti ed elencati nei correlati scontrini fiscali sono conformi a quelli elencati nel presente provvedimento.

In caso di fornitura di beni difformi da quelli elencati nel presente provvedimento all’esercente non verrà riconosciuto il corrispondente importo.

In caso la difformità venga successivamente rilevata da eventuali altri organi di controllo l’Esercente si impegna a restituire la somma corrispondente, maggiorata degli interessi legali, all’Amministrazione comunale entro 30 giorni dalla richiesta.

L’Ufficio istruttore effettuerà controlli a campione sulla corrispondenza tra i prodotti elencati nel presente provvedimento e quelli risultanti dallo scontrino fiscale.

Le imprese operanti nel settore con propri punti vendita nel territorio del Comune di CORIGLIANO ROSSANO (CS), interessate alla fornitura di prodotti alimentari e generi di prima necessità a favore di soggetti economicamente svantaggiati individuati dai servizi sociali, in possesso dei requisiti di ordine generale e dei requisiti tecnico organizzativi adeguati alla natura dell’affidamento, potranno presentare apposita istanza a mezzo pec all’indirizzo protocollo.coriglianorossano@asmepec.it compilando il modello di domanda, e i relativi allegati , del presente avviso, firmato dal proprio legale rappresentante entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 26/02/2021

Gli operatori commerciali che avranno manifestato il loro interesse saranno inseriti nell’apposito elenco comunale, in ordine cronologico di arrivo della relativa istanza, previa verifica della regolarità della manifestazione di interesse.

Tale modalità è dettata dall’esigenza di avviare con urgenza la distribuzione dei buoni spesa e favorire la presenza in elenco del maggior numero di esercizi commerciali, farmacie e parafarmacie.

Il presente avviso e affisso all’Albo Pretorio online e sul sito web istituzionale del Comune di CORIGLIANO ROSSANO (CS).

Il Responsabile del presente procedimento è la Dott.ssa VALENTINA CARUCCI, nella sua qualità di FUNZIONARIO Settore Politiche di promozione Sociale del Comune di Corigliano Rossano (CS);

Per informazioni le ditte potranno contattare la seguente e-mail: valentinacarucci@comunecoriglianorossano.eu .

La presentazione della manifestazione di interesse non è vincolante per l’Ente che si riserva la facoltà di non procedere all'inserimento nell’elenco comunale.

Il R.U.P.:   Dott.ssa Valentina Carucci 

Il Dirigente del Settore:  Dott.ssa Tina Alessandra De Rosis

 

AVVISO

NOTA INTEGRATIVA

MODELLO DOMANDA

Modello_B_DSAN_ANTIMAFIA

Convenzione

 

(aggiornamento 20.01.2021)

 

torna all'inizio del contenuto